STILI ESTERNI

HUNG HAR

È uno tra i più popolari stili nel kung fu tradizionale, sviluppato durante la dinastia Ching (1644-1911) ha segnato la tradizione marziale del sud della Cina. Pur essendo uno tra i principiali stili "esterni", è ricco di tecniche di Qi Gong e di respirazione che lo rendono uno dei più completi sistemi.

Galleria Immagini
WING CHUN

Le origini di questo stile, metà del 1600, sono legate ad una monaca buddista, Nui Mg, e alla sua allieva Wing Chun da cui lo stile prende il nome. Creato da due donne prende spunto dall’eleganza delle gru e dalla velocità del serpente. È un metodo che predilige la velocità e la continuità delle tecniche, portate principalmente in linea retta, rispetto alla potenza ed alla spettacolarità. Il Wing Chun, per la sua immediatezza d'azione, è molto utilizzato nella difesa personale.

Galleria Immagini
TANG LANG

Lo stile della mantide religiosa, ha origine nel nord della Cina durante la dinastia Ching nel 1600. Deriva da uno studio approfondito e meticoloso di Wong Long nei confronti di questo insetto dopo averlo visto combattere. Colpito dalla velocità di azione e dalla sua efficacia codificò i principi del metodo. Caratteristica di questo metodo è quella di simulare l'atteggiamento, sia tecnico che psicologico, della mantide religiosa.

Galleria Immagini

STILI INTERNI

TAI CHI CHUAN

L’insegnamento comincia con lo studio della scuola Yang la cui pratica è caratterizzata da movimenti lenti senza variazioni di ritmo, leggeri e morbidi, che rendono lo stile adatto a persone di qualunque età. Oltre alla forma a mano nuda, viene analizzata anche la forma con la spada dritta.

Galleria Immagini
PA KUA

Stile del nord della Cina fu creato da Tung Hai Chuan (1798-1879). Predilige l’azione circolare dando fluidità ed eleganza al movimento. Ricco di simbologia e di legami con la filosofia taoista, è considerato da molti tra gli stili più spettacolari ed esoterici dell'arte marziale.

Galleria Immagini
logo nero.JPG